///Normativa comunitaria

Direttiva 2011/92/CE del 13 dicembre 2011

La direttiva dell'Unione Europea detta principi fondamentali in materia di lotta contro l’abuso e lo sfruttamento sessuale dei bambini e la pornografia minorile. E' entrata in vigore il 17 dicembre 2011 e dovrà essere attuata dagli stati membri entro il 18 dicembre 2013. La direttiva prevede la definizione dei reati e delle sanzioni in materia di abuso e sfruttamento sessuale dei minori, pornografia minorile e adescamento di minori per scopi sessuali. Contiene disposizioni intese a rafforzare la prevenzione di tali reati e la protezione delle vittime. Scarica il documento a destra di questa pagina

2012-01-29T23:18:46+00:00 29 gennaio 2012|Normativa comunitaria|

Regolamento n. 2201/2003 del Consiglio del 27 novembre 2003

Il Regolamento stabilisce le norme applicabili in modo uniforme negli Stati dell’Unione Europea riguardo alla giurisdizione, al riconoscimento e all’esecuzione delle decisioni in materia matrimoniale e in materia di responsabilità genitoriale. Si tratta di stabilire quale giudice, in quale Stato, ha il potere di decidere della controversia e se applicherà la legge di quello o di altro Stato per risolverla, in materia di divorzio, alla separazione personale e all’annullamento del matrimonio (*) attribuzione, esercizio, delega, revoca totale o parziale della responsabilità genitoriale diritto di affidamento e il diritto di visita; tutela, curatela ed altri istituti analoghi; designazione e funzioni di qualsiasi persona o ente aventi la responsabilità della persona o dei beni del minore o che lo rappresentino o assistano; collocazione del minore in una famiglia affidataria o in un istituto; misure di protezione del minore legate all’amministrazione, alla conservazione o all’alienazione dei beni del minore. (*) Per determinare quale legge, di quale Stato, deve applicare il giudice che ha giurisdizione (indicato da questo regolamento), in materia di divorzio e separazione, si fa riferimento al Regolamento 1259/2010 del Consigli.   Il presente regolamento non si applica: alla determinazione o all’impugnazione della filiazione; alla decisione relativa all’adozione, alle misure che la preparano o all’annullamento o alla revoca dell’adozione; ai nomi e ai cognomi del minore; all’emancipazione; alle obbligazioni alimentari; ai trust e alle successioni; ai provvedimenti derivanti da illeciti penali commessi da minori.  

2011-11-28T10:13:45+00:00 28 novembre 2011|Normativa comunitaria|

Regolamento del Consiglio dell’Unione Europea del 20 dicembre 2010 n. 1259

Il regolamento del Consiglio mira ad istituire un quadro giuridico chiaro e completo in materia di legge applicabile al divorzio e alla separazione personale negli Stati membri e garantire ai cittadini soluzioni adeguate e certe. Oltre ad ammettere e a limitare la possibilità di concordare fra i coniugi quale legge applicare alla separazione e al divorzio, il regolamento prevede una serie di criteri in base ai quali individuare la legge applicabile in mancanza di un accordo. Tali norme di conflitto servono ad “impedire le situazioni in cui un coniuge domandi il divorzio prima dell’altro per assicurarsi che il procedimento sia regolato da una legge che ritiene più favorevole alla tutela dei suoi interessi”, come dichiarato nel preambolo del Regolamento. Rimangono applicabili tutte le norme contenute nel Regolamento 2201/200 in materia di competenza, al riconoscimento e all’esecuzione delle decisioni in materia matrimoniale e in materia di responsabilità genitoriale.

2011-11-28T10:11:22+00:00 28 novembre 2011|Normativa comunitaria|

Risoluzione del Parlamento europeo del 9 marzo 2011 sulla strategia dell’UE per l’inclusione dei rom 2010/2276(INI)

Il Parlamento europeo ha approvato una mozione per definire “la strategia di inclusione dei rom in Europa”. L’Assemblea chiede di introdurre “standard minimi obbligatori a livello europeo per promuovere l’integrazione sociale, economica e culturale dei Rom. Risoluzione del Parlamento europeo del 9 marzo 201  

2011-04-06T12:59:12+00:00 6 aprile 2011|Normativa comunitaria|

Risoluzione del Parlamento europeo del 19 gennaio 2011 sull’adozione internazionale nell’Unione europea

Il Parlamento Europeo chiede agli Stati membri di adottare alcune misure necessarie a migliorare ed agevolare le adozioni internazionali, ma anche di creare "un coordinamento tra Commissione e Stati membri per lo scambio di buone prassi e di strategie al fine di ottenere la massima collaborazione da tutti i Paesi e garantire sia il diritto all’adozione sia la massima trasparenza, evitando così le adozioni illegali". Vedi il test Vedi gli approfondimenti sul sito del Gruppo CRC - per la promozione della Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti del Fanciullo: Ambiente familiare e misure alternative - Adozione nazionale e internazional Misure speciali per la tutela dei minori

2011-02-02T15:09:13+00:00 2 febbraio 2011|Normativa comunitaria|

doc 2

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Nam iaculis, elit nec faucibus lacinia, eros lacus accumsan dui, in lobortis dolor ipsum suscipit diam. Pellentesque dignissim ante a lorem porttitor aliquam. Morbi ut urna quis metus tempus venenatis. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Mauris sodales vulputate tellus, ac mollis sem varius a. Praesent bibendum mi nec velit convallis volutpat. Proin eleifend diam id tellus vehicula vel ornare lectus mattis. Aliquam aliquam nunc ut massa interdum cursus. Sed ut mollis nulla. Mauris ac eros quis velit aliquet elementum vitae eget elit. Fusce aliquam sapien sed arcu adipiscing porttitor. Suspendisse aliquet, nulla gravida rhoncus aliquam, est lorem molestie tortor, quis venenatis ante elit at felis. Nullam egestas dolor id ipsum pharetra id lacinia arcu viverra. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Morbi et justo eros, et cursus nisl. Cras venenatis libero nec felis malesuada eget tempor leo pulvinar. Vivamus erat ante, volutpat cursus accumsan volutpat, condimentum in leo. Donec eget quam metus. Nunc dapibus, magna a congue lacinia, ligula nisi euismod leo, quis consectetur nisl neque ac sem. Curabitur in nulla sed ligula semper vestibulum quis pretium lectus. Suspendisse gravida, purus a fringilla interdum, sapien risus facilisis lorem, a tincidunt diam felis in erat. Nullam luctus lacus ut enim dignissim vel congue nibh aliquet. Maecenas ullamcorper adipiscing lorem, et tristique sapien bibendum a. Vestibulum lobortis mollis tincidunt. In non quam eu libero pretium gravida nec quis arcu. Nam elementum, nisl vel tempor ullamcorper, nibh elit condimentum dui, eu cursus elit nibh vitae justo. Maecenas tempor lacinia magna quis aliquet. Proin dictum hendrerit suscipit. Morbi diam mauris, pretium vitae bibendum eget, dignissim vel erat. Aenean fringilla consectetur lectus ac iaculis. Nunc quis mi felis, vitae bibendum odio. Praesent bibendum eleifend erat et fermentum. Morbi accumsan dignissim faucibus. Duis sed ornare turpis. Mauris bibendum est ultricies est egestas pellentesque. Aliquam erat volutpat. In felis sapien, vehicula quis aliquet id, tempus ut mauris. Quisque ac lacinia lacus. Ut pellentesque varius tellus nec accumsan. Sed in sapien sit amet risus pulvinar tristique vel eget massa. Maecenas pellentesque malesuada ultricies. Donec faucibus, ipsum eget lacinia blandit, libero augue egestas est, ut tincidunt massa ligula quis nunc. Vivamus eros diam, venenatis a bibendum eu, ullamcorper ut sem. In non sollicitudin eros. Proin varius diam sem, quis tempus ante.

2010-11-10T18:25:01+00:00 10 novembre 2010|Normativa comunitaria|