/Prima vengono i bambini (e gli adolescenti)

Prima vengono i bambini (e gli adolescenti)

Prima vengono i bambini. Quando bisogna
decidere come fare o organizzare qualsiasi cosa, bisogna considerare
prima di tutto che i diritti dei bambini e gli adolescenti siano
protetti. Poi vengono gli altri. 

Quindi, in ogni decisione delle
autorità, legge o atto degli uffici amministrativi, in ogni servizio
di assistenza sociale che offrono Comuni, le province, le regioni o
lo stato, o le aziende e altre organizzazioni private, l’interesse
del bambino deve prevalere sugli altri.

Ad esempio:

Quando i genitori si
separano e organizzano in modo nuovo la gestione della famiglia,
devono assicurare per prima cosa che i figli stiano bene, siano
ascoltati, possano vedere regolarmente entrambi i genitori, i
parenti, etc… 

Se i genitori non riescono a fare questo, lo farà
il giudice per loro. 

Ogni giudice in tribunale conosce la Convenzione
delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e sa
come fare in modo che l’interesse dei figli sia soddisfatto in ogni
situazione.

Questo non significa che bisogna sempre
fare come vogliono i figli! 

Significa che bisogna sempre trovare il
modo di assicurare che i figli stiano bene e godano di tutti i
diritti previsti dalla Convenzione. 

Chi decide come avviene questo,
in ogni situazione concreta, nella vita di ogni giorno?

Per primi decidono i genitori.

Però, se i genitori non ci sono o non
riescono a decidere, o prendono decisioni che non assicurano il
benessere dei figli, ci sono altri che possono decidere per loro. Chi
sono?

Si tratta di alcune persone in uffici
speciali per proteggere i bambini e gli adolescenti: i giudici nei
tribunali, prima di tutto. 

Per arrivare ai giudici, tutti (bambini,
adolescenti, parenti, insegnanti, il medico, vicini di casa, amici,
etc..) possono rivolgersi a una serie di persone in uffici che
aiutano i bambini e gli adolescenti: gli assistenti sociali nei
comuni, i presidi delle scuole, i vigili e la polizia, gli
avvocati…. 

Questi si rivolgono al giudice, ogni volta che devono
essere assicurati i diritti fondamentali dei bambini e degli
adolescenti.

2017-11-13T11:55:42+00:00 17 marzo 2015|Domande e Risposte (ragazzi), Ragazzi|