/Newsletter CLAIM Gennaio 2014

Newsletter CLAIM Gennaio 2014

Questa Newsletter fa parte delle attività del progetto CLAIM (Child Law: Action for an Innovative Methodology). Il progetto, finanziato dalla Commissione Europea -“Fundamental Rights & Citizenship Programme”- è attivo dal dicembre 2012 e durerà fino a dicembre 2014.
Capofila del progetto è Save the Children Italia. Le attività sono implementate in collaborazione con i partner Università Roma Tre, European Public Law Organization ad Atene assieme alla National and Kapodistrian University of Athens. La Universidad Comillas di Madrid e La Merced Migraciones.
L’obbiettivo generale del progetto è favorire la promozione dei diritti dei minori attraverso l’implementazione delle misure previste dalla Child friendly Justice del Consiglio d’Europa. Per favorire l’attuazione di tali misure, il progetto promuove un approccio multidisciplinare e multilivello che coinvolge professionisti legali (avvocati, procuratori, avvocati, giudici), accademici e ONG. 
Per maggiori informazioni: luca.bicocchi@savethechildren.it 
NORMATIVA
Internazionale
Il 14 gennaio 2014 il numero degli stati che ha ratificato il Terzo Protocollo opzionale alla Convenzione delle Nazioni Unite per i diritti dell’infanzia. Entrerà quindi in vigore a metà aprile 2014 attribuendo potere diretto al Comitato dell’ONU per i diritti dell’infanzia a ricevere segnalazioni dai cittadini e a muoversi direttamente nei confronti degli stati che violano la Convenzione. 
Quasi nessuno stato membro dell’UE ha ratificato il Terzo Protocollo
Non è quindi applicabile in larga parte dell’Europala nuova procedura di segnalazione al Comitato e tutela per le violazioni della Convenzione delle Nazioni Unite per i diritti dell’infanzia. 
Una coalizione internazionale di associazioni e organizzazioni, fra le quali anche Save the Children Italia, promuove l’attuazione del Terzo Protocollo.  Maggiori informazioni sono disponibili al sito internet: http://www.ratifyop3crc.org/
La coalizione ha un ufficio di coordinamento europeo presso Eurochild (Mafalda Leal), e-mail: Mafalda.Leal@eurochild.org
Unione Europea
Nuovi Programmi europei per la giustizia, diritti fondamentali e pari opportunità
Dopo due anni di negoziati, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno adottato il “Programma Giustizia” e il programma ”Diritti, uguaglianza e cittadinanza” il 17 dicembre 2013 con i regolamenti europei n. 1381 e 1382. Sono programmi particolarmente importanti per i cittadini in Europa, poiché offrono un sostegno finanziario concreto alle organizzazioni che operano nei settori della giustizia, i diritti fondamentali e le pari opportunità. Maggiori informazioni
Fonte:
 
Italia
Entrerà in vigore il 7 febbraio il decreto di attuazione della legge 219/2012 che tutela il figlio indipendentemente che nasca nel matrimonio o fuori di esso, ovvero da persone legate da vincolo di parentela. Leggi il testo del decreto legislativo 154/2013  pubblicato l’8 gennaio.
Cosa può fare il governo italiano per contrastare la povertà dei minori e promuovere l’infanzia e l’adolescenza? Le proposte del Senato del 28 novembre includono quelle indicate anche da Save the Children
Grecia
Il Parlamento ha adottato la legge 4198/13  (24 settembre 2013) di attuazione della direttiva 2011/36/UE  sulla prevenzione e contrasto del la prevenzione e la repressione della tratta di esseri umani e la protezione delle vittime. Le nuove norme aggiungono a quelle esistenti in materia una serie di specifiche misure di tutela e assistenza per le vittime minorenni. E’ stata inoltre rafforzata la posizione del Referente nazionale per il contrasto della tratta degli esseri umani nell’ambito dell’organizzazione del Ministero per gli Affari Esteri greco.
Fonte: legge 4198/13, Gazzetta Ufficiale 215 Α/11-10-13,  http://www.hellenicparliament.gr/en/
Il testo:
Piano d’Azione nazionale per l’attuazione dei diritti dei minori
Il Garante per l’infanzia greco ha proposto a governo di adottare un piano d’azione nazionale a partire dalle raccomandazioni presentate nel 2012 dal Comitato delle Nazioni Unite per i diritti dell’infanzia. In particolare, si propone di affrontare le conseguenze della crisi economica per i minori rafforzando azioni di coordinamento fra i servizi e l’istituzione di servizi specificamente dedicati alla questione minorile. Il 20 novembre 2013 il Garante ha promosso un incontro nazionale fra gli operatori  del settore, il governo e i servizi al fine di rafforzare il sistema di tutela di minori nel paese.
Sito del Garante per l’Infanzia: http://www.synigoros.gr/langs?i=stp.en&l=en
GIURISPRUDENZA:

Unione Europea:
E’ illegittimo impedire ai genitori di trasmettere il cognome della madre al figlio.
La legge italiana che prevede tale conseguenza viola il principio di tutela della vita privata e familiare sancito dall’articolo 8 della Convenzione Europea dei Diritti Umani.
Italia:
Nell’adozione, il diritto alla conoscenza delle origini prevale sul diritto della madre all’anonimato.
Il giudice determina in modo differente i periodi di visita del genitore nei confronti del bambino, prima e dopo i quattro anni di età. 
 
A scuola l’insegnante non può perquisire e far spogliare gli alunni per cercare soldi scomparsi. 
La Corte di Cassazione ha confermato la condanna di un padre al risarcimento del danno a favore dei figli che non ha voluto riconoscere come suoi, rifiutando la responsabilità di dare loro assistenza morale e materiale. 
La scuola è responsabile per i danni subiti dagli allievi durante le attività scolastiche (in questo caso, nell’ora di ginnastica). La responsabilità deriva dal contratto che per legge sorge fra la famiglia e l’alunno con l’iscrizione a scuola. L’assicurazione della scuola risponde dei danni subiti dagli alunni. 
Regno Unito
Una recente decisione sull’applicazione della Convenzione dell’Aia sugli aspetti civili della sottrazione internazionale di minori e offre un aggiornato quadro sulla valutazione del superiore interesse del minore nel Regno Unito. Il caso riguarda K.L., bambino conteso fra Stati Uniti e Regno Unito.
Spagna
La Suprema Corte spagnola (Tribunal Supremo) ha pronunciato due importanti sentenze relative ai diritti dei figli ad ottenere il mantenimento dei figli dal momento iniziale della separazione o divorzio dei genitori e non dal provvedimento finale.
Nella sentenza del 27 novembre 2013 n. 742, la Corte ha affermato che il mantenimento dei figli in caso di divorzio dei genitori è dovuto dalla data dal deposito della domanda di divorzio, e non dalla data della sentenza definitiva.
Sulla stessa linea, con la sentenza del 4 dicembre 2013 n. 746, la Corte ha riconosciuto che l’obbligo di mantenere i figli nati fuori dal matrimonio inizia a decorrere dalla data in cui è richiesto il riconoscimento del vincolo genitoriale e non dalla data del provvedimento finale.
La sentenza del 4 novembre 2013 n. 663, in materia di diritto di visita del genitore, denuncia l’illegittimità della prassi invalsa da tempo in cui i servizi sociali esercitavano tale potere di sospendere e non ne davano segnalazione al tribunale. La Corte Suprema ne afferma il contrasto con la legge spagnola (articolo 116 del codice civile) e con la Convenzione delle Nazioni Unite per i diritti dell’infanzia.
La Corte dichiara il diritto a impugnare la decisione del Procuratore in cui si dichiara la maggiore o minore età del minore straniero. 
SEGNALAZIONI

A lyric SOS — Dai voce ai tuoi diritti!
Web-serie  prodotta dai ragazzi partecipanti al progetto CLAIM in Italia
Racconta la storia di Serena, Leila e Zaha, tre adolescenti che si incontrano in casa famiglia. Per ragioni diverse tutte e tre sono lontane dai propri genitori, ma anche grazie alla complicità che si instaura fra di loro, riusciranno a trovare ognuna la propria strada, passando per lo sportello legale di Save the Children. 
Leggi la rassegna stampa: Lo sportello legale in una webserie La serie sul web che racconta storie di ragazze e ragazzi in una casa famiglia
Il Convegno “Dai principi alla prassi: la partecipazione del minore nei procedimenti giudiziari. Etica e responsabilità” si è svolto a Roma il 13 dicembre, nell’ambito dlele iniziative del progetto CLAIM, in collaborazione con la Scuola Superiore dell’Avvocatura 
Claimyourrights.it è il sito web attivo da novembre con domande e risposte sui diritti dei minori nei procedimenti giudiziali, la Guida Galattica e le notizie di tutte le iniziative di CLAIM. 
A Madrid i legali di CLAIM sono intervenuti per interrompere il trattenimento di una bimba  di cinque anni all’aeroporto di Barajas (Spagna). Il tribunale ha dichiarato illegittimo il trattenimento durato 29 ore, e così anche l’ordine della polizia di rientrare nello stato di provenienza assieme all’accompagnatore, pur in presenza dei genitori. Leggi tutto
* * *
Consultazione europea per il futuro delle politiche UE in materia di giustizia 
La Commissione Europea – DG Giustizia – chiede l’opinione e le proposte di cittadini e associazioni per migliorare il sistema di tutela e accesso alla giustizia in un’Europa più sicura ma anche aperta. Questo comprende anche e soprattutto un sistema di tutela e accesso alla giustizia per i minori.
Finanziamenti europei per la promozione dei diritti dei minori
Entro il 12 marzo sono ammesse le domande di finanziamento per il fondo Diritti Fondamentali e Cittadinanza. Saranno finanziate con preferenza azioni finalizzate a promuovere l’accesso dei minori ai procedimenti amministrativi e giudiziali, formazione di operatori di strutture di detenzione per minori e progetti specifici per minori rom.  Maggiori informazioni e contatti a questa pagina
Finanziamenti europei per l’emancipazione e formazione in Africa e altri stati
Il 23 dicembre la Commissione europea (DEVCO) ha pubblicato il bando a presentare proposte EuropeAid/135181/C/ACT/Multi nell’ambito del programma tematico “Investire nelle persone”. Le domande sono ammesse fino al 19 febbraio 2014.
La finalità del programma è promuovere condizioni di vita migliori, attraverso lo sviluppo delle competenze, l’istruzione e formazione professionale delle persone e le persone emarginate e vulnerabili che dipendono dall’economia informale negli stati ACP (Africa, Caraibi e Pacifico) e OCTs (paesi e territori d’oltremare che dipendono da stati membri dell’UE). Maggiori informazioni sono disponibili sul sito DEVCO http://ec.europa.eu/europeaid/work/funding/index_en.htm
Servizi per il ricongiungimento familiare di profughi (Grecia)
Da più parti si segnalano casi di famiglie divise nella fuga dalla guerra in Siria, dall’Afghanistan e da altri stati. Per rintracciare e ricongiungere i familiari che siano rimasti in Grecia con altri familiari richiedenti asilo o beneficiari di protezione in Italia o in altri stati dell’Unione Europea, è attivo un servizio di rintraccio della Croce Rossa internazionale ad Atene a supporto della Croce Rossa greca. Per informazioni dal proprio stato, contattare l’ufficio della Croce Rossa nazionale. Dall’Italia: http://cri.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/EN/IDPagina/5754
PUBBLICAZIONI
L’Italia SottoSopra racconta l’Italia oggi tra disoccupazione, calo dei consumi, default del welfare e denatalità. Almeno 1 milione di bambini in povertà assoluta, emergenze e disagi abitativi, diseguaglianze nella salute, povertà educative e immobilità sociale.
Che età hanno i nuovi cittadini?  Sono più vecchi in Italia. Lo mostrano i dati Eurostat anche quest’anno. Altri stati europei mostrano più fiducia nei giovani.
Le storie vere di ragazzi e ragazze che arrivano da lontano, scritte da Giancarlo Rigon, psichiatra, e Giovanni Mengoli, religioso impegnato in comunità d’accoglienza per minori. Il libro è pubblicato dal Centro editoriale Dehoniano, dicembre 2013. 
Minori autori di reato
Le raccomandazioni dei penalisti italiani per il trattamento dei minori stranieri autori di reato e messa alla prova dal congresso di Ascoli Piceno dell’Unione Nazionale delle Camere Minorili  (28.09.2013). Leggi tutto 
Mappatura, dati e statistiche sui bambini scomparsi nell’Unione europea, pubblicata nel dicembre 2013. Il rapporto contiene una serie di raccomandazioni, fra cui quella di raccogliere una gamma di dati maggiore al fine di comprendere cause di sparizioni, permettere azioni preventive mirate e un’adeguata assistenza nei casi di scomparsa e conoscenza dei i servizi disponibili, fra cui la linea telefonica 116 000 per bambini scomparsi. fonte: http://ec.europa.eu/justice/fundamentalrights/files/missing_children_study_2013_en.pdf 
Un nuovo importante studio inglese in materia di organizzazione dei servizi e metodi per rintracciare e tutelare i minori e le persone scomparse. 
L’Ombudsman greco presenta i dati e interessanti informazioni sul fenomeno. Il rapporto offre un excursus sulla normativa applicabile, un’analisi su come la scuola e altre istituzioni rispondono anche agli episodi di violenza razzista e raccomandazioni per migliorare il sistema di tutela. Il rapporto è stato pubblicato a settembre 2013.
Sintesi delle attività TFIEY 2013
Pubblicati i risultati del primo anno di attività in Italia del progetto TFIEY sulla qualità dei servizi per la prima infanzia fra Europa e Nord America, con particolare riferimento al fenomeno della povertà infantile nei primi anni di vita (0-6) e l’esclusione sociale, per i bambini italiani e immigrati. Il progetto è realizzato dalla Fondazione Zancan in collaborazione con la Compagnia di San Paolo di Torino, nonché in collaborazione con altre fondazioni europee e nord americane e si sviluppa nell’arco degli anni 2013-2015.
Il rapporto è disponibile in inglese a questa pagina. Leggi tutto
EVENTI
Serie di seminari a partire dal 4 febbbraio 2014, Bruxelles (Belgio)
Una sede per la discussione critica e lo scambio interdisciplinare a livello europeo fra operatori del sistema di tutela dei minori sul ruolo delle istituzioni europee – in particolare l’Unione europea e il Consiglio d’Europa – nel plasmare i diritti dei bambini, ed in particolare sulla capacità di risposta a problematiche globali che colpisocno i bambini quali la povertà e l’esclusione. Organizzato dall’Università di Liverpool (UK). Maggiori informazioni: http://www.liv.ac.uk/law/research/european-childrens-rights-unit/esrc/
Crescere con i bambini – Consiglio d’Europa
27-28 marzo 2014, Dubrovnic (Croazia)
Conferenza di medio-termine del Piano strategico del Consiglio d’Europa per l’attuazione dei diritti dei minori 2012-2015. 
Convegno internazionale sulla integrità genitale e dell’identità dei minori
24-26 luglio 2014, Università del Colorado, Boulder (USA)
L’Organizzazione Nazionale dei servizi informativi sulla circoncisione (USA) e altre organizzazioni statunitensi, Genital Autonomy (Regno Unito e Australia), e la Fondazione Sexpo (Finlandia) presentano il 13 ° Simposio Internazionale per promuovere il dialogo interdisciplinare sulle pratiche di mutilazione e sulle strategie per la protezione dei bambini da alterazione genitale medicalmente inutile. Maggiori informazioni: http://www.genitalautonomy.org/
Conferenza Internazionale: 25 anni di Convenzione ONU per i diritti dell’infanzia
17-19 novembre 2014, Università di Leida (Paesi Bassi)
Accademici e pratici si incontrano si incontrano per fare il punto dei raggiungimenti dei primi 25 anni della Convenzione e discutere le prospettive di evoluzione nei stsemi di tutela nazionali e internazionali. I contributi scritti sono ammessi fino all’1 aprile 2014. Maggiori informazioni: www.25yearscrc.nl

Newsletter prodotta da:
Chara Kafka, Legal Expert, European Pubblic Law Organization
Dimitra Soulele, Legal Expert, European Pubblic Law Organization
Patricia Fernández Vicens, Legal Expert, La Merced Migraciones
Sonia Rello Palomo, Legal Expert, La Merced Migraciones
Elisabetta Pezzi, Legal Expert, Save the Children Italy
Emanule Argento, Legal Expert, Save the Children Italy
Lara Olivetti, Legal Expert, Save the Children Italy
Luca Bicocchi, Project Manager, Save the Children Italy
Per informazioni: lara.olivetti@savethechildren.it

2018-10-22T15:39:00+00:00 30 gennaio 2014|Archivio newsletters|