/Newsletter TUTTOMONDO

Newsletter TUTTOMONDO

Questa
Newsletter fa parte delle attività del progetto TUTTOMONDO.

Il
progetto, finanziato dal Fondo Europeo per l’Integrazione di
Cittadini di Paesi Terzi 2007 – 2013 è attivo fino al 30 giugno
2014

Obiettivo
generale del progetto è favorire processi di integrazione dei minori
agevolando l’accesso all’informazione legale e promuovendo il
dialogo interculturale, attraverso la rete con le scuole del
territorio. Il progetto coinvolge direttamente nelle attività le
giovani generazioni, chiamate a promuovere iniziative di
informazione, comunicazione e sensibilizzazione per diffondere una
cultura di tutela dei diritti e della non discriminazione, sia nelle
scuole che nel territorio di riferimento.

Fanno
parte del progetto con Save the Children: la Fondazione Lelio e
Lisli Basso Issoco, Media Aid Onlus, CivicoZero e la Scuola Superiore
dell’Avvocatura.

La
Provincia di Roma sostiene l’iniziativa e contribuirà attivamente
alla sua realizzazione, impegnandosi nella promozione, messa in rete
e diffusione del progetto.

Le
scuole I.C. via dell’Archeologia, I.C. Casal Bianco, I.C. Daniele
Manin, I.I.S.S. volta-Ceccherelli, I.I.S. Lucio Anneo Seneca
inseriscono il progetto TuttoMondo nei rispettivi Piani dell’Offerta
Formativa (POF), promuovendo gli interventi di educazione tra pari
previsti e sostenendo il dialogo interculturale tra gli studenti e i
beneficiari del progetto.

Per
informazioni: francesca.sangermano@savethechildren.it

Attività TUTTOMONDO IN
CORSO: Appuntamenti, come puoi partecipare?



  • L’ Archivio
    culturale multimediale di Tuttomondo e i Laboratori Foto e
    Video


L’archivio
sarà un contenitore multimediale in cui si raccoglieranno le storie
di vita, le tradizioni, gli eventi cruciali del paese di origine
delle ragazze e ragazzi, nonché le loro impressioni ed esperienze
in Italia. Uno spazio in cui si può scegliere di raccontare o di
raccontarsi attraverso registrazioni video e audio, foto ed elaborati
scritti. Puoi partecipare alla sua costruzione partecipando ai
laboratori. In essi troverai un operatore ed altre ragazze e ragazzi
che hanno partecipato al corso di video reportage e sapranno aiutarti
a costruire il tuo racconto.

Il
laboratorio fotografico si tiene a Civico Zero ogni mercoledì a
partire dalle 15

Il
laboratorio video si tiene a Civico Zero ogni martedì a partire
dalle 15




Il Griot insieme
al Gazzettino Tuttomondo


Il
Griot
è il prodotto di una piccola redazione
che si riunisce per dare vita ad un foglio giornale ispirato alla
filosofia dei Griot africani, che sono la memoria del popolo e che
cantano le storie e le canzoni che riguardano la guerra e le
tradizioni in lingua africana. Allo stesso modo questo foglio
giornale raccoglie le storie in lingua originale dei molti giovani
migranti che arrivano a Civico Zero e raccontano storie di vita, di
viaggi, di speranze e tradizione, spesso denunce di gravi violazioni.

In
occasione di Tuttomondo il Griot uscirà insieme al Gazzettino: un
foglio giornale aggiuntivo che a cui potrete lavorare insieme per
promuovere lo scambio di informazioni di carattere giuridico. Il
Gazzettino infatti ha lo scopo di approfondire alcune questioni
legate al Griot per facilitare una maggiore conoscenza dei diritti e
dei doveri da parte dei minori stranieri.

Puoi
contribuire alla sua scrittura del Griot e del Gazzettino
partecipando insieme ad agli altri ai laboratori che si tengono
tutti i martedì dalle ore 15 a Civico Zero.

Nel
primo numero oltre alle principali novità legislative si parla di
libertà di espressione e del diritto dei minori all’accoglienza
intesa non solo come la garanzia di un luogo ma come il diritto ad
una condizione sicura e protetta dove poter esprimere e realizzare i
propri desideri e progetti.

Il
secondo numero uscirà a fine maggio

puoi contribuire alla sua scrittura partecipando insieme agli altri e
alle altre tutti i martedì dalle ore 15 a Civico Zero!




Tuttomondo CONTEST
2014: IL CONCORSO!


Se non
hai più di 21 anni puoi partecipare al concorso artistico Tuttomondo
Contest 2014.

Il tema
del concorso è l’incontro tra culture ed identità diverse.

Puoi
partecipare inviando un video, una foto, o uno scritto con il quale
racconti, nel modo che preferisci, l’accoglienza, la conoscenza, lo
scambio tra persone e culture diverse.

I
lavori devono essere consegnati entro il 6 giugno 2014 e saranno selezionati da un
comitato interno di Save the Children,. I vincitori saranno
proclamati e premiati il 24 giugno
al Museo Maxxi di Roma, nel corso dell’evento conclusivo del
contest, da una giuria di esperti composta da Niccolò Ammaniti,
Gabriele Salvatores e Marco Delogu.

Per
iscriverti , leggere il regolamento o avere maggiori informazioni
CLICCA
QUI
oppure chiama allo 06.4807001



Dai
partecipanti al progetto:

—La
storia ha mostrato che la rivoluzione per la

Libertà
sono più potenti che il potere con le sue

Armi
come testimonia la Rivoluzione Francese

Che
una marcia senza violenza possa dare l’indipendenza di un paese
come l’India

Che
una rivoluzione chiamata Arancia possa ridare la democrazia ad un
paese

Come
l’Ucraina

Oggi
mi puoi uccidere ma non disonorarmi

Difenderò
il mio diritto alla parola!

La
mia libertà non ha prezzo!

La
mia libertà non è da vendere!…”

Da
il Giorno in cui la Libertà è diventata la mia Lotta di Malick
Diatta Marzo 2014

.”E’
che ho iniziato la scuola quando ero minorenne quindi l’iscrizione
della scuola, i libri, i quaderni, erano pagati dalla mia tutrice.
Così quando ho compiuto 18 anni non ho avuto più aiuto, Quest’anno
nessuno si occupa di me perché dicono che posso provvedere da solo.
Non so neanche come pagare l’autobus per andare a scuola. Io vivo a
Sezze lontano dalla fermata dell0autobus quindi faccio 40 minuti a
piedi prima di arrivare al punto in cui prendo l’autobus ed ogni
giorno è così, la mia tutrice mi da 100 euro al mese per mangiare
per questo motivo mangio solo pasta e riso tutti i giorni”…

A.I.
Ghana Aprile 2014

“…Non
conoscevamo nulla quando siamo arrivati in Italia.

Nessuno
vi ha spiegato qualcosa una volta entrati in casa famiglia?

I
responsabili ci hanno detto solo quali regole dovevamo rispettare,
quali cose non si devono fare. Solo questo.

E dei
diritti che avete, nessuno ve ne ha parlato?

Se
qualcuno non sa parlare se tu spieghi qualcosa non so parlare, dicono
così sempre: non ti possiamo dire niente senza il permesso del
responsabile, Può essere che tu non parlerai mai con lui perché lui
ha sempre tante cose da fare..

E del
tutore nessuno vi ha mai parlato?

Io
non sapevo nulla, non sapevo nemmeno il suo nom
e…”

Questi
alcuni frammenti del primo Gazzettino- Griot Tuttomondo. Al più presto sarà disponibile su questo sito.

NOVITA’:
Accanto a TUTTOMONDO

GIURISPRUDENZA:


Cosa
hanno deciso recentemente i Giudici nei casi che hanno riguardato
ragazzi e ragazze minori

Sul
diritto
all’accoglienza in caso di dubbio sulla minore età


BASTA
UNA VISITA MEDICA PER MANDARTI VIA DA UN CENTRO DI ACCOGLIENZA? NO

Un
ragazzo era stato mandato via dal Centro dove era stato accolto
qualche mese prima in quanto minorenne dopo essere stato sottoposto
ad una visita medica da cui era risultato maggiore di 18 anni.

Il
Tribunale, decidendo sul caso, ha ricordato che l’esame medico non
è uno strumento preciso per determinare l’età di una persona e
che, in caso di dubbio, sono sempre necessari accertamenti
approfonditi. Afferma il Giudice, infatti , che non si può correre
il rischio di abbandonare un minore e lasciarlo senza protezione e
che pertanto anche in caso di dubbio la persona deve sempre essere
considerata minore e non può essere mandata via dal Centro.

Leggi la decisione: TAR
Lazio del 20 febbraio 2014 n. 808

Se vuoi avere più
informazioni sull’accertamento dell’età CLICCA
QUI

Sulla
validità degli atti notificati al minore anziché al tutore:

SONO
SEMPRE VALIDE LE DECISIONI PRESE NEI TUOI CONFRONTI? NO

Dopo
essere arrivato in Italia, un minorenne aveva presentato domanda di
asilo. Sfortunatamente la Commissione aveva deciso di non riconoscere
alcuna protezione.

Il
ragazzo non era stato messo nella condizione di comprendere la
decisione e presentare ricorso nei tempi come era suo diritto.
Infatti la decisione della Commissione, che era in italiano e non era
stata tradotta nella lingua conosciuta dal minore, era stata
consegnata direttamente nelle sue mani senza la presenza del suo
tutore o di altro adulto responsabile.

Per
queste ragioni il Giudice ha dichiarato che la decisione non era
valida ed ha ricordato che per legge tutte le decisioni devono essere
tradotte in una lingua che la persona può capire e soprattutto che
quando si tratta di minori, queste devono essere comunicate alla
presenza di un adulto responsabile.

Il
tutore infatti ha tra i suoi compiti di protezione quello
importantissimo di assisterti nella comprensione di ciò che accade e
aiutarti a capire cosa puoi fare quando ricevi una decisione.

Se non ti viene data
questa possibilità si sta violando un tuo diritto fondamentale.

Leggi
la decisione : Tribunale
di Roma, I sezione civile, ordinanza del 21 marzo 2014 n. 5963

Se vuoi
avere più informazioni sui tuoi diritti i materia di giustizia
leggi la GUIDA
GALATTICA PER (RI)CONOSCERE I TUOI DIRITTI

PILLOLE:
Una notizia a scelta


Basta
alla parola Nomadi!

Il 9
aprile 2014 il Sindaco di Roma ha firmato una circolare in cui chiede
di dire Basta alla parola Nomadi. Da oggi tutti gli atti del Comune
dovranno sostituire la parola Nomadi con il termine “Rom, Sinti,
Caminanti” . Un passo verso il tentativo di far cessare le
discriminazioni che partono dal linguaggio. Nomade, infatti,
significa che si sposta, non stabile. A Roma invece ci sono persone
rom nate in Italia, da genitori nati in Italia. Definirli
“nomadi” li rende in qualche modo non-cittadini escludendoli.

TUTELIAMOCI!
Chiedilo all’AVVOCATO

Se hai
bisogno di informazioni,hai dubbi o vuoi fare segnalazioni puoi
rivolgerti ad un avvocato disponibile ad orientarti e a rispondere
gratuitamente a tutte le tue domande.

Puoi
farlo nelle seguenti modalità

1)
scrivere o farti aiutare a scrivere una mail utilizzando lo Sportello
Legale On line
attivo tutti i giorni a
questo indirizzo QUI

2)
Usando la Chat attiva nella pagina principale del nostro sito
www.dirittiaimargini.it
In questo modo potrai parlare in tempo reale con avvocati e operatori

2017-11-13T11:55:37+00:00 22 maggio 2014|News, Progetti e Laboratori, Pubblicazioni, Ragazzi|