/Come cambiare la scuola? La parola ai ragazzi

Come cambiare la scuola? La parola ai ragazzi

In attesa della riforma della buona scuola ringraziamo tutti i ragazzi che hanno partecipato alla consultazione per la realizzazione di un posizionamento partecipato sulla riforma scolastica. 
Clicca Qui per leggere nostro posizionamento e anche quello delle altre organizzazioni e di altri ragazzi.

Il Governo sta formulando proposte per migliorare la scuola e ha chiesto le opinioni dei cittadini con il questionario La Buona Scuola.

Save the Children Italia ha raccolto i pensieri di ragazze e ragazzi e li ha presentati al Governo perché siano tenuti in considerazione in questo processo di riforma.
La consultazione si è svolta sia on line, sia attraverso incontri con i ragazzi e le ragazze coinvolti nei progetti di Save the Children. 
Hanno risposto alla consultazione 323 studenti e studentesse. 
È emersa una forte preoccupazione rispetto al futuro
9 su 10 ritengono che una riforma della scuola debba affrontare in via prioritaria il tema del futuro per dare gli strumenti necessari per l’accesso al mondo del lavoro o per proseguire gli studi in modo adeguato. 
Per questo motivo, ragazze  e ragazzi chiedono di organizzare stage e tirocini, l’istituzione di sportelli di orientamento, un sostegno alla preparazione di curriculum e al riconoscimento delle proprie competenze. 
Una buona scuola dovrebbe inoltre proteggerli meglio e di più dalle discriminazioni (80%), dovrebbe renderli maggiormente partecipi alle decisioni scolastiche (98%), dovrebbe essere finanziata e gestita dallo Stato (70%).
Cosa vogliono i ragazzi e le ragazze che abbiamo ascoltato?

Vogliamo spazi più allegri, meno grigi, più sicuri e puliti

Bisogna rendere le lezioni più coinvolgenti: discutere con gli studenti sulle idee e non
limitarsi ad uno sterile nozionismo

Se un prof ci mette passione l’alunno è più propenso a studiare e ad imparare

La mia buona scuola è un luogo con le porte sempre aperte

Nella mia scuola sono arrivati gli e reader, le LIM, i tablet, ma nulla viene mai utilizzato è uno spreco!

La scuola dovrebbe essere uno spazio dove nessuno viene preso in giro e nessuno si sente escluso perché diverso

Noi studenti passiamo la maggior parte delle nostre vite a scuola, dobbiamo avere più peso decisionale e interagire in modo costruttivo con le altre istituzioni della scuola

È inconcepibile e non accettabile che ci siano bambini e ragazzi che siano costretti ad abbandonare gli studi per motivi economici

I prof non hanno tempo di farci fare l’orientamento, mentre noi ne sentiamo la necessità, ci sentiamo spersi
Leggi le risposte dei ragazzi: scarica il documento allegato

La buona scuola (secondo noi).pdf
2017-11-13T11:55:06+00:00 5 febbraio 2015|Cosa Facciamo, News, Progetti Conclusi, Progetti e Laboratori, Ragazzi|