/Semestre Italiano di Presidenza UE: le priorità per i minori

Semestre Italiano di Presidenza UE: le priorità per i minori

La giustizia minorile, accoglienza dei minori migranti, contrasto della tratta di minori e della criminalità informatica sono le priorità nella tutela dei diritti indicate dalla Presidenza italiana.

Ecco i passaggi del programma:

“La Presidenza si adopererà per fare progressi sulle proposte legislative della Commissione in 
materia di tutela dei diritti degli indagati o imputati nell’ambito dei procedimenti penali, al fine 
di ottenere progressi decisivi nell’attuazione della tabella di marcia del 2009. In particolare, la 
Presidenza porterà avanti il dialogo con il Parlamento europeo sulla proposta per una direttiva sulle 
garanzie procedurali per i minori indagati o imputati in procedimenti penali, e aprirà il dibattito in 
seno al Consiglio sulle proposte di direttive relative alla presunzione d’innocenza e all’assistenza 
legale”  (pag. 36)
“La Presidenza intende incoraggiare le politiche a favore dei minori stranieri non accompagnati, 
compresi quelli che chiedono asilo e/o le vittime di tratta, attraverso l’analisi e lo sviluppo di 
procedure operative e di buone pratiche in materia di accoglienza e identificazione. In particolare, 
per quanto riguarda l’accertamento dell’età, la Presidenza italiana ritiene necessario individuare 
criteri europei comuni di accertamento, reciprocamente riconosciuti dagli Stati, e sviluppare 
strumenti immediatamente operativi. Infine, raccogliendo l’invito del Parlamento europeo, la 
Presidenza intende proporre agli Stati membri la designazione di un punto di contatto nazionale 
che possa fungere da collegamento con la Commissione europea per monitorare la situazione e le 
azioni intraprese a livello nazionale”  (pag. 39)
“Nel quadro della nuova Strategia per la prevenzione e il contrasto della tratta di esseri umani nel 
periodo 2012-2016, e in considerazione delle priorità fissate per il ciclo politico 2014-2017, la 
Presidenza italiana sosterrà lo sviluppo di un’azione coerente per combattere la tratta di esseri 
umani, anche nella dimensione esterna dello spazio GAI, con particolare riguardo agli aspetti della 
prevenzione, della protezione delle vittime e delle attività di polizia attraverso, tra l’altro, la diffusione 
di buone pratiche e la definizione di criteri per l’identificazione delle vittime, con particolare 
riferimento ai casi di violenza di genere e di abusi su minori. A questo proposito, la Presidenza 
intende promuovere procedure standard per gli operatori che entrano in contatto con le vittime, 
al fine di identificarle sistematicamente e consentirne la presa in carico da parte delle autorità 
competenti. Inoltre, durante la Presidenza italiana, si incoraggerà l’introduzione di un meccanismo 
di collegamento tra le autorità coinvolte nella lotta contro la tratta e le istituzioni competenti per il 
riconoscimento della protezione internazionale”  (pag. 39)

“Per quanto riguarda la criminalità informatica, la Presidenza intende promuovere azioni concrete per 
prevenire e combattere le minacce informatiche (criminalità informatica, attacchi a infrastrutture 
critiche, frodi e truffe bancarie on-line, pornografia infantile su Internet e cyber-bullismo), rafforzando 
la cooperazione operativa tra le forze di polizia e le azioni in partenariato tra le istituzioni, le imprese 
nel campo delle tecnologie dell’informazione e del settore finanziario, il mondo accademico e le 
ONG competenti.”  (pag. 44)
2018-10-22T15:38:59+00:00 25 giugno 2014|News|