Informazioni e Materiali sui diritti dei minori in Italia e in Europa

Save the Children

Policy Paper – Le Bussole di Save the Children

In sicurezza su Facebook e nei social network

E' importante sapere che


Partecipando a social network, quali Facebbok:


  1. Quando s’inseriscono i propri dati personali su un sito di social network, se ne perde il controllo. I dati possono essere registrati da tutti i contatti e dai componenti dei gruppi cui si ha aderito, rielaborati, diffusi, anche a distanza di anni.


  2. A volte, accettando di entrare in un social network, si concede, all’impresa che gestisce il servizio, la licenza di usare senza limiti di tempo il materiale inserito on-line (foto, chat, scritti, pensieri).


  3. La maggior parte dei siti di social network ha sede all’estero, e così i loro server. In caso di disputa legale o di problemi insorti per violazione della privacy, non sempre si è tutelati dalle leggi italiane ed europee.


  4. Se si decide di uscire da un sito di social network spesso è permesso soltanto di “disattivare” il profilo, non di “cancellarlo”. I dati, i materiali che sono stati immessi on-line potrebbero essere comunque conservati nei server, negli archivi informatici dell’azienda che offre il servizio. Leggere bene cosa prevedono le condizioni d'uso e le garanzie di privacy offerte nel contratto che si accetta all’atto dell’iscrizione.


  5. Quando si inseriscono foto di terzi o lo si “tagga”, domandarsi dapprima se si sta violando la privacy altrui. Nel dubbio dapprima richiedere il consenso del terzo.


  6. Attenzione ai falsi profili. È sufficiente la foto, il nome e qualche informazione sulla vita di una persona per impadronirsi on-line della sua identità.


  7. Attenzione alle informazioni rese disponibili on-line. La data e il luogo di nascita sono sufficienti per ricavare il codice fiscale. Altre informazioni potrebbero aiutare a risalire al conto bancario o postale o al nome utente e password.


  8. Usare log-in e password diversi dalle credenziali impostate per l’accesso ad altri siti, per gestire la posta elettronica, le operazioni di home banking e simili. Modificare spesso la password.




Quando i nostri diritti alla privacy sono violati


1. Intimazione all'autore: possiamo protestare contro l'autore e pretendere che cancelli subito le informazioni, immagini o altro che ci riguarda.


2. Reclamo al Garante per la protezione dei dati personali. Si tratta di una denuncia precisa in cui si indica nel dettaglio chi e come ha violato i nostri diritti.


3. Segnalazione al Garante. E' una comunicazione in cui si danno le informazioni minime per poter fare un controllo sul rispetto della legge da parte dell'autore del comportamento che segnaliamo.


Come fare? Tutte le informazioni a questa pagina del sito del Garante



Altre informazioni:

Consigli e regole a tutela della privacy pubblicate da Facebook: https://it-it.facebook.com/help/privacy‎


Vedi anche: Come usare la pagina Facebook Diritti ai Margini di Save the Children Italia?


Torna Indietro

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla nostra newsletter