Informazioni e Materiali sui diritti dei minori in Italia e in Europa

Save the Children

Progetti Conclusi

Come cambiare la scuola? La parola ai ragazzi

Come cambiare la scuola? La parola ai ragazzi

In attesa della riforma della buona scuola ringraziamo tutti i ragazzi che hanno partecipato alla consultazione per la realizzazione di un posizionamento partecipato sulla riforma scolastica. 


Clicca Qui per leggere nostro posizionamento e anche quello delle altre organizzazioni e di altri ragazzi.


Il Governo sta formulando proposte per migliorare la scuola e ha chiesto le opinioni dei cittadini con il questionario La Buona Scuola.

Save the Children Italia ha raccolto i pensieri di ragazze e ragazzi e li ha presentati al Governo perché siano tenuti in considerazione in questo processo di riforma.

La consultazione si è svolta sia on line, sia attraverso incontri con i ragazzi e le ragazze coinvolti nei progetti di Save the Children. 

Hanno risposto alla consultazione 323 studenti e studentesse. 

È emersa una forte preoccupazione rispetto al futuro

9 su 10 ritengono che una riforma della scuola debba affrontare in via prioritaria il tema del futuro per dare gli strumenti necessari per l’accesso al mondo del lavoro o per proseguire gli studi in modo adeguato. 

Per questo motivo, ragazze  e ragazzi chiedono di organizzare stage e tirocini, l’istituzione di sportelli di orientamento, un sostegno alla preparazione di curriculum e al riconoscimento delle proprie competenze. 

Una buona scuola dovrebbe inoltre proteggerli meglio e di più dalle discriminazioni (80%), dovrebbe renderli maggiormente partecipi alle decisioni scolastiche (98%), dovrebbe essere finanziata e gestita dallo Stato (70%).


Cosa vogliono i ragazzi e le ragazze che abbiamo ascoltato?


Vogliamo spazi più allegri, meno grigi, più sicuri e puliti

Bisogna rendere le lezioni più coinvolgenti: discutere con gli studenti sulle idee e non
limitarsi ad uno sterile nozionismo

Se un prof ci mette passione l’alunno è più propenso a studiare e ad imparare

La mia buona scuola è un luogo con le porte sempre aperte

Nella mia scuola sono arrivati gli e reader, le LIM, i tablet, ma nulla viene mai utilizzato è uno spreco!

La scuola dovrebbe essere uno spazio dove nessuno viene preso in giro e nessuno si sente escluso perché diverso

Noi studenti passiamo la maggior parte delle nostre vite a scuola, dobbiamo avere più peso decisionale e interagire in modo costruttivo con le altre istituzioni della scuola

È inconcepibile e non accettabile che ci siano bambini e ragazzi che siano costretti ad abbandonare gli studi per motivi economici

I prof non hanno tempo di farci fare l’orientamento, mentre noi ne sentiamo la necessità, ci sentiamo spersi


Leggi le risposte dei ragazzi: scarica il documento allegato













Torna Indietro

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla nostra newsletter